IT EN DE
 

L’Azienda Vinicola del Revì S.a.s. è stata costituita in data 05/02/1982 e fin da subito ha focalizzato l’attenzione sulla produzione di spumante metodo classico. Nel corso degli anni, la produzione si è ampliata, sia in termini di referenze sia in termini di volumi di bottiglie prodotte. Attualmente la produzione di Trentodoc (spumante metodo classico Trentino) si compone di 5 referenze, 3 prodotti base (millesimati con 36 mesi di affinamento sui lieviti) e 2 prodotti riserva (millesimati con un periodo di affinamento di oltre 60 mesi). Nel corso degli anni la produzione ha deciso di arricchire la propria gamma prodotti ad un Trentodoc, il primo presentato in Trentino, prodotto con uve da agricoltura biologica (una delle due riserve). La filosofia aziendale, che guida la produzione e tutte le fasi di lavorazione in cantina, si basa sulla costante ricerca di un miglioramento qualitativo del prodotto, al fine di ottenere nel tempo un prodotto costante, sicuro e che possa essere commercializzato anche in paesi esteri grazie ad accorgimenti produttivi che ne garantiscono un’ottima conservabilità. Ulteriormente per ricerca di qualità si intende una continua attività di sperimentazione e analisi al fine di produrre e porre in commercio un prodotto salubre, che non arrechi alcun disturbo alla salute del consumatore.

Proprio in quest’ottica nel corso del 2018 si è pensato di effettuare degli investimenti per un ammodernamento tecnologico; tali investimenti sono stati resi possibili grazie al Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Provincia Autonoma di Trento, e all’Operazione 4.2.1 “Sostegno a investimenti a favore della trasformazione e commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli”, Focus Area 3A “Migliorare l’integrazione dei produttori primari nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la promozione dei prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali”.

Grazie a tale contributo è stato possibile introdurre in azienda nuove tecnologie all’avanguardia quali: un nuovo congelatore di colli per bottiglie metodo classico, un monoblocco automatico per degorgiatura, tappatura sughero e gabietta metallica, una lavatrice/asciugatrice per bottiglie ed infine una nuova unità di climatizzazione.

I suddetti investimenti hanno portato ad un deciso miglioramento del ciclo produttivo: grazie all’introduzione del nuovo congelatore di colli e del monoblocco per la degorgiatura si è velocizzata considerevolmente l’ultima fase del metodo classico (fase di sboccatura o degorgiatura) oltre ad averne aumentato la precisione. Tale aumento in termini di velocità e precisione si riflette su una maggior sicurezza di prodotto e quindi una maggior garanzia di salubrità dello stesso. L’introduzione della macchina per il lavaggio e l’asciugatura delle bottiglie ha poi consentito di collegare in linea anche l’etichettatrice effettuando nello stesso momento quindi tutta la fase di sboccatura, lavaggio, etichettatura e confezionamento delle bottiglie. Il collegamento in serie di tutte le fasi di lavorazioni ha portato ad un risparmio di tempi di lavorazione considerevoli.

Infine, l’installazione del nuovo impianto di climatizzazione ha permesso di controllare maggiormente la temperatura di cantina con ripercussioni in termini di maggior protezione del prodotto e salvaguardia da sbalzi di temperatura che ne potrebbero inficiare le caratteristiche organolettiche e minori perdite in fase di lavorazione (fase di sboccatura ove è importante lavorare lo spumante con temperature preferibilmente basse e costanti).

Spesa ammessa a contributo € 74.205,00

Importo contributo € 16.337,00

Per maggiori informazioni sulle opportunità di finanziamento visitare il sito del PSR www.psr.provincia.tn.it e della Commissione europea dedicato al FEASR https://ec.europa.eu/agriculture/rural-developement-2014-2020_it